Tu sei qui: Home » Formatori » Qualificazione Formatori
Mercoledì, 22 Mag 2019

Qualificazione Formatori

 

Il Formatore Qualificato che svolge attività di docenza nel settore della sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro, ai sensi del D.lgs 81/2008 smi e persona in possesso di competenze e requisiti previsti dal Decreto Interministeriale del 06 marzo 2013 ed in attuazione della Legge n. 4 del 14.01.2013 in grado di gestire il progetto formativo nel rispetto delle vigenti normative.

Il suddetto dovrà dimostrare in modo documentato di possedere il prerequisito ed almeno uno dei criteri menzionati nel Decreto Interministeriale citato.

L’EBPMI Ente Bilaterale delle Piccole e Medie Imprese al fine di supportare il personale docente nell’espletamento della sua attività professionale, ha istituito apposita Commissione Tecnica di Valutazione la quale verificherà e certificherà, i soggetti formatori in possesso dei requisiti previsti ed iscrivendo gli stessi nel Registro Nazionale dei Formatori Qualificati della Sicurezza.

Di seguito riportiamo le corrette procedure e prassi operative utili alla valutazione dei soggetti formatori richiedenti.


Ammissione all ‘ iter di valutazione

Chi può far richiesta:  

Possono far richiesta di iscrizione nel Registro Nazionale del Formatori Qualificati istituito presso l’ Ente Bilaterale delle Piccole e Medie Imprese EBPMI tutti coloro che posseggano i requisiti previsti dal Decreto Interministeriale del 06 Marzo 2013 e che svolgano attività di docenza nei percorsi formativi previsti dal D.Lgs. 81/2008.

 

Requisiti necessari:  

Il candidato deve dimostrare di essere in possesso del prerequisito previsto dal D.I. 6.3.13 ovvero almeno del Diploma di Istruzione Secondario ed il possesso di almeno di uno dei 6 criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro.

 I sei criteri per la qualificazione:

Il primo criterio

Prende in considerazione il solo requisito della precedente esperienza in qualità di docente esterno, pertanto è ritenuto qualificato chi ha svolto almeno 90 ore di docenza negli ultimi tre anni nell’area tematica oggetto della docenza ed è in grado di documentarlo.

Il secondo criterio

Prende in considerazione:

a. come requisito di partenza il possesso di una laurea coerente con le materie oggetto della docenza, ovvero l’attestato di frequenza di corsi post-laurea (dottorato di ricerca, perfezionamento, master, specializzazione) nel campo della salute e sicurezza sul lavoro

b. a tale requisito è necessario aggiungere al- meno una delle seguenti specifiche considerate come alternative:

• percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione;

• precedente esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro;

• precedente esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi tre anni, in qualunque materia di docenza;

• corso/i formativo/i in affiancamento a docente, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni in qualunque materia.

Il terzo criterio

Prende in considerazione:

a. come requisito di partenza il possesso di un attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a corso/i di formazione della durata di almeno 64 ore in materia di salute e sicurezza sul lavoro (organizzato/i dai soggetti di cui all’articolo 32, comma 4, del Decreto Legislativo n. 81/2008)

b. tale requisito però è necessario venga integrato da almeno 12 mesi di esperienza lavorativa o professionale coerente con l’area tematica oggetto della docenza

c. inoltre è necessario aggiungere almeno una delle seguenti specifiche considerate come alternative:

• percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione

• precedente esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro

• precedente esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi tre anni, in qualunque materia

• corso/i formativo/i in affiancamento a docente, in qualunque materia, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni.

Il quarto criterio

Prende in considerazione:

a. come requisito di partenza il possesso di un attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a corso/i di formazione della durata di almeno 40 ore in materia di salute e sicurezza sul lavoro (organizzato/i dai soggetti di cui all’articolo 32, comma 4, del Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i.)

b. a tale requisito vanno aggiunti almeno 18 mesi di esperienza lavorativa o professionale coerente con l’area tematica oggetto della docenza

c. ed è necessario inoltre possedere almeno una delle seguenti specifiche considerate come alternative:

• percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione

• precedente esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro

• precedente esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi tre anni, in qualunque materia di docenza

• corso/i formativo/i in affiancamento a docente, in qualunque materia di docenza, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni.

Il quinto criterio

Prende in considerazione:

a. come requisito di partenza una esperienza lavorativa o professionale almeno triennale nel campo della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, coerente con l’area tematica oggetto della docenza.

Livello di rischio

Ore formative

Livello di rischio basso

16 ore

Livello di rischio medio

32 ore

Livello di rischio alto

48 ore

*Tabella. Articolazione del monte ore formativo previsto per i diversi livelli di rischio (Accordo in Conferenza Stato, Regioni e Province autonome del 21 dicembre 2011 - (Art. 34 del D.Lgs. 81/2008)

b. a tale requisito, va aggiunta almeno una delle una delle seguenti specifiche considerate come alternative:

• percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione

• precedente esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro

• precedente esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi tre anni, in qualunque materia di docenza

• corso/i formativo/i in affiancamento a docente, in qualunque materia di docenza, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni.

Il sesto criterio

Prende in considerazione:

a. come requisito di partenza una esperienza di almeno sei mesi nel ruolo di RSPP o di almeno dodici mesi nel ruolo di ASPP (tali figure possono effettuare docenze solo nell’ambito del macro-settore ATECO di riferimento)

b. a tale requisito va aggiunta almeno una delle seguenti specifiche considerate come alternative:

• percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione

• precedente esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro

• precedente esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi tre anni, in qualunque materia di docenza

• corso/i formativo/i in affiancamento a docente, in qualunque materia di docenza, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni.


 Procedura di valutazione

Il Comitato Tecnico di Valutazione istituito dall’ Ente Bilaterale delle Piccole e Medie Imprese EBPMI  valuterà l’ idoneità del candidato attraverso un iter procedurale diviso nelle seguenti fasi:

  • Verifica documentale, inoltrata dal candidato per mezzo di posta elettronica utilizzando l’ indirizzo e mail registroformatori@ebpmi.it , del modello autocertificato Mod. 04_14 con i relativi allegati previsti.
  • Nel caso in cui vi siano delle incertezze, il presidente della commissione potrà richiedere integrazione o informazioni supplementari al formatore.
  • Verifica delle docenze effettuate presso gli enti formatori committenti.
  • Nel caso di necessità la commissione incaricherà un componente affinché contatti telefonicamente il formatore per valutare e verificare la validità dei dati e requisiti presentati.
  • Valutazione da parte della Commissione tecnica della documentazione e Informazioni prodotte con esito dell’ istruttoria.
  • Con  esito  Positivo la commissione provvede a protocollare la pratica, assegnare il codice di iscrizione, ad inserire il nominativo nel registro dei formatori della sicurezza qualificati.
  • La segreteria dell’ Ente preparerà il certificato personale del formatore e provvederà ad inoltrarlo al formatore.
  • Con esito Negativo  la Commissione interrompe il processo di valutazione informandone il candidato, il quale potrà decidere se risolvere le carenze riscontrate, rifacendo nuovamente richiesta o abbandonare l’ iter di qualificazione.  

    Attestato di qualifica

    Con l’ esito positivo della Commissione Tecnica di Valutazione viene rilasciato l’ Attestato di Qualifica Professionale il quale ha validità annuale ed attesta il possesso dei requisiti previsti dal Decreto Interministeriale e rispetta il D.Lgs. 81/2008. L’ attestato è annuale e  verrà aggiornato trascorsi  365 giorni dalla data di emissione.


    Durata dell’ Iscrizione

    La durata dell’ iscrizione al Registro Nazionale dei Formatori Qualificati è annuale e decorre dal giorno della prima iscrizione all’ anno successivo. Il rinnovo è tacito se non perverranno all’ Ente revoche o rinunce e a condizione che il docente sia il regola con i contributi annuali di iscrizione al registro, sia in regola con i percorsi di aggiornamenti previsti dal Decreto Interministeriale, abbia effettuato almeno 24 ore di docenza nel campo della sicurezza sul lavoro e non vi sia un comportamento etico e disciplinare non conforme al Regolamento Comportamentale.


     Aggiornamento Professionale

    Nel pieno rispetto delle norme di legge e in attuazione del D.I. 06.03.2013 e del D.Lgs. 81 del 2008 l’ Iscritto al Registro dovrà frequentare corsi di aggiornamento professionale della durata di 24 ore nell’ arco del triennio a partire dalla data della sua iscrizione ed eseguire almeno 24 ore di attività di docenza. Il formatore si impegna a frequentare percorsi formativi annuali di 8 ore e di inoltrare all’ ente l’ attestazione conseguita.



 

 

 EBPMI - Ente Bilaterale Piccole e Medie Imprese, punto di riferimento per il mondo della prevenzione in materia di sicurezza sul lavoro D.lgs 81/2008